Ordine del Giorno presentato dal Gruppo Consiliare di A.N., relativo ai provvedimenti emessi dalla Procura di Napoli nei confronti di sei agenti e due funzionari di polizia accusati di violenze nei confronti dei partecipanti alla manifestazione contro l'E-Government.

Visti i provvedimenti di custodia cautelare emessi dalla Procura della Repubblica di Napoli, nei confronti di sei agenti di e di due funzionari di Polizia;

vista inoltre la scarsa chiarezza con la quale i suddetti provvedimenti sono stati emessi, con riferimento particolare alla mancanza dei tre presupposti necessari a che la custodia cautelare possa essere applicata (pericolo di reiterazione, inquinamento delle prove, pericolo di fuga);

considerato altresì che in uno scenario di devastazione come quello verificatosi a Napoli in occasione dell' "E-Govemment", appaia alquanto poco credibile, nonché di difficile comprensione, che misure restrittive della libertà personale siano state indirizzate esclusivamente nei confronti di uomini appartenenti alle forze dell'ordine;

ritenuta poco comprensibile l'azione della magistratura napoletana la quale, pur nel suo legittimo ed indiscutibile dovere di indagine, ha emesso i provvedimenti di cui sopra a distanza di oltre un anno da quei fatti, senza neppure passare almeno attraverso lo strumento dell'avviso di garanzia nei confronti dei presunti responsabili;


ESPRIME

piena solidarietà alle Forze di Polizia ed al loro difficile e rischioso lavoro che quotidianamente
svolgono sul territorio, a difesa della sicurezza ed incolumità dei cittadini, mettendo a repentaglio la propria vita e molto spesso operando in condizioni tecniche al limite della decenza;


IMPEGNA

II Sindaco e la Giunta Comunale ad attivarsi nei confronti del Governo della Repubblica affinché, nel rispetto del proprio ruolo e delle proprie competenze, chieda chiarimenti immediati sull'intera vicenda che rischia seriamente discreditare in modo omasi irreparabile l'immagine ed il lavoro delle Forze di Polizia.